giovedì 16 gennaio 2014

27. VOTA OSVALDO PROGETTI CREATIVI, FORMAT DI RIQUALIFICAZIONE PARTECIPATA E CREATIVA DEGLI SPAZI URBANI


 
Il progetto Osvaldo (VOTA QUI) ha l’obiettivo di ricreare un legame tra il parco dell’ex ospedale psichiatrico di Sant’Osvaldo di Udine, sede del locale dipartimento di salute mentale, e la cittadinanza. Osvaldo vuole diventare un format di riqualificazione partecipata e creativa degli spazi urbani. Gli strumenti utilizzati sono l’approccio partecipativo e il gesto artistico per leggere i bisogni del territorio e le sue potenzialità. L’analisi e la progettazione partecipata permettono l’identificazione delle priorità d’intervento.

Gli obiettivi prevedono azioni di coinvolgimento degli utenti della Comunità Nove, delle associazioni culturali del territorio, degli istituti di formazione, di giovani artisti e della popolazione della città di Udine. È prevista la programmazione di residenze d’artista e makers (seguendo il progetto FAB LAB, recentemente realizzato in forma temporanea da Confartigianato UDINE). Queste azioni daranno vita a opere di artigianato artistico, materiale documentale della residenza, performance, opere d’arte o multipli. Sono inoltre previsti scambi europei attraverso il Programma LLP – grundtvig, che copre le spese di trasferimento e ospitalità delle residenze dell’artista. La selezione dell’artista avverrà attraverso il coinvolgimento di partner del territorio che si occupano di ricerca in ambito contemporaneo. Risultato: rendere Osvaldo il “parco creativo” della Città di Udine.

Chi siamo: 
L’Associazione Culturale ETRAR.T.E. (Rinascita Territoriale Espressiva), fondata nel 2006, si occupa della promozione e del sostegno alla ricerca artistica in ambito Contemporaneo. Nel 2013 il gruppo si è arricchito unendosi al Comitato U.P.I.M. dopo l’esperienza comune di Palazzo conTemporaneo. Sviluppando collaborazioni e sinergie con enti pubblici e privati, l’associazione ha coinvolto, nell’arco di sette anni, più di centocinquanta artisti e oltre trenta associazioni in Friuli Venezia Giulia.

* Grazie a Elena, Gloria, Federica e Valeria (Etrarte)

Nessun commento:

Posta un commento